Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
La retribuzione è importante, ma non basta più.
10 luglio 2018
La retribuzione è importante, ma non basta più. Oltre allo stipendio in busta paga sono diversi i benefit (non monetari) che oggi la maggior parte candidati, prende in considerazione prima di accettare un’offerta per un nuovo incarico. Secondo un’indagine recente condotta da Hunters Group, società di head-hunting specializzata nella ricerca e selezione di personale, in […]
La retribuzione è importante, ma non basta più. Oltre allo stipendio in busta paga sono diversi i benefit (non monetari) che oggi la maggior parte candidati, prende in considerazione prima di accettare un’offerta per un nuovo incarico. Secondo un’indagine recente condotta da Hunters Group, società di head-hunting specializzata nella ricerca e selezione di personale, in vetta alla classifica dei “desiderata” si collocano: flessibilità oraria, lavoro da casa, smartworking, programmi di formazione ed aggiornamento continui e servizi di supporto alla vita quotidiana e famigliare. Per questa ragione, un mix di benefit da affiancare alla “busta paga” può costituire un ulteriore incentivo da offrire a un giovane talento o un professionista con esperienza interessati a cambiare azienda. Puntare su benefit che migliorano la qualità della vita del dipendente assume inoltre, secondo gli esperti di Hunters Group, un’importanza sempre maggiore anche in relazione ai ritorni legati a un approccio gestionale che pone al centro la persona (Humanification).